Le fiamme dei Turnstile e il fallimento degli Strokes al day 1 del Lollapalooza Brasil – Kalporz

Il mondo ci gioca degli scherzi difficili da capire, come ad esempio perché artisti con lavori fighi come Roger (Ultraje a Rigor), Marcelo Nova (Camisa de Vênus), Eric Clapton e Van Morrison sono dei bastardi negazionisti e i Detonautas no? Il gruppo di Tico Santa-Cruz produce un pastiche sonoro di varianti rock che potrebbe far bruciare lo stomaco, ma, in questi tempi di illegalità (si riferisce alla situazione brasiliana ndr), si esprimono anche sulle cose con una sobrietà rara nella musica brasiliana. Lo spettacolo al Lolla, tuttavia, ha lasciato da parte gli attacchi al governo Bolsonaro (sarebbe stato bello sentire “Micheque” dal vivo) e si è concentrato su una sessione di auto-aiuto di 45 minuti con Tico che urlava “Dio è amore” (dopo aver detto che l’amore non è nella chiesa o nei sacerdoti), gridando “siamo sopravvissuti” e chiedendo a tutti di abbracciare l’amico accanto, perché questa era una rivoluzione. In onore di Anitta, numero 1 su Spotify in tutto il mondo, Tico ha sfidato la canzone “Envolver”. Il pubblico presente ha cantato i successi in uno spettacolo che è stato brutto, ma dopo 24 mesi chiusi in casa è da considerarsi buono.

Source: Le fiamme dei Turnstile e il fallimento degli Strokes al day 1 del Lollapalooza Brasil – Kalporz

Deixe um comentário

Preencha os seus dados abaixo ou clique em um ícone para log in:

Logotipo do WordPress.com

Você está comentando utilizando sua conta WordPress.com. Sair /  Alterar )

Imagem do Twitter

Você está comentando utilizando sua conta Twitter. Sair /  Alterar )

Foto do Facebook

Você está comentando utilizando sua conta Facebook. Sair /  Alterar )

Conectando a %s